Cazzate

Eiaculazione femminile.

Se squirti ti sposo.
– Anonimo su un muro di Roma.

Slurp, slurp, slurp… Aaaaaaaaaahhh oddio sono cieco!
– Effetti devastanti di un’inaspettata eiaculazione femminile.

Squirt!
– Topa al raggiungimento di un orgasmo.

Gatorade!
– Uomo su squirt.

 

L’eiaculazione femminile o squirt (dal gradevole suono che emette una donna quando viene strizzata) è un segreto Vaticano tramandato nei millenni. Secondo alcuni esiste, secondo altri non esiste, secondo altruni prempto.

 

Meccanica.

La quantità di cose che può fare una vagina è impressionante. Essa è piena di buchi, orifizi, cunicoli, paludi, e permette alla donna di inserirvi oggetti (come peni, zucchine, dita) ed estrarne altri (bambini, pipì, sangue puzzolente, salviettine profumate), perciò non deve sorprendere affatto l’idea che da una sgnacchera possa fuoriuscire del liquido a getti. Ti stai eccitando?

A differenza della normale lubrificazione vaginale che viene secreta un po’ da tutte le parti, lo squirt viene emesso dall’uretra, e non consiste nel semplice “sono tutta bagnata“, ma è un vero e proprio schizzo librato nell’aria, a volte all’altezza di metri. Ti stai eccitando?

Esattamente come per l’eiaculazione maschile, anche quella femminile avviene in seguito a un orgasmo, o anche no ma, a differenza del funzionamento piuttosto semplice del pene per il quale è sufficiente una semplice erezione e qualche smanettamento, l’infingarda vagina necessita di particolari manovre per convincerla a regalare un siffatto spettacolo.

Il più delle volte l’eiaculazione femminile è raggiungibile tramite un cunnilingus specifico che le donne non hanno mai insegnato agli uomini così, per il puro gusto di fare le stronze, ma la desecretazione dell’originale documento Vaticano “Instructio de modo procedendi in vaginae sollicitatione” ha permesso di carpirne i segreti.

Secondo il Sacro Documento, la vulva va leccata insistentemente su uno stesso punto, preferibilmente in prossimità del clitoride o della tangenziale est, eseguendo movimenti ritmici a velocità omogenea con la punta della lingua. Le continue stimolazioni ricevute dal clitoride tumido ed eretto provocheranno uno stato di eccitazione crescente nella donna che gli sta intorno, facendo aumentare le contrazioni dei muscoli pelvici fino all’orgasmo. Ti stai eccitando? Maggiore è la ritmicità della stimolazione, più spettacolare sarà il getto di liquido emesso dalla donna, che urlerà il tuo nome in sanscrito. L’effetto finale sarà molto simile a quello provocato da una mentos in una bottiglia di Coca-Cola.

 

Composizione chimica del liquido.

Rappresentazione artistica di un orgasmo femminile.
Dai che ti stai eccitando. Ovviamente il mondo è pieno di scienziati che hanno cercato di analizzare la composizione chimica di questo liquido misterioso. Secondo alcuni scienziati giapponesi esso sarebbe composto per il 95% di acqua distillata e per il 30% di errori aritmetici. Altri studiosi hanno messo in evidenza la colorazione lattiginosa del liquido, sostenendo che si tratti di latte materno che ha sbagliato strada. Questo spiegherebbe psicanaliticamente il bisogno maschile di leccarla, come ritorno atavico all’infanzia del lattante. L’eminente ginecologo Otto Von Tèttete ha dedicato lunghi anni della sua vita allo studio della composizione chimica del liquido dello squirt, affermando infine:

È piscio!
– Otto Von Tèttete.

Secondo lo scienziato, l’eiaculazione femminile non sarebbe nient’altro che un improvviso stato di incontinenza dovuto alla contrazione involontaria dei muscoli che fanno pisciare le donne, qualunque essi siano. Ad ogni modo un getto che ti arriva in faccia a una pressione equivalente a quella di un geyser caldo può fare molto male e ostruire le vie respiratorie. Ti stai eccitando? Non più, eh?

 

Altri modi per ottenere un’eiaculazione femminile.

Leccarla è solo uno dei modi per assistere a questo affascinante fenomeno. Altri modi per ottenere uno squirt sono:

  • farla leccare da qualcun altro
  • un mazzo di fiori. Con 15.000 euro dentro
  • il vecchio caro ditalino, ma fatto bene però
  • implorarla piangendo
  • emettere suoni schifosi con la bocca, a mo’ di stimolo come per la pipì
  • ti sei eccitato?

 

Vittime dello squirt.

Nel corso della storia sono state moltissime le vittime dell’eiaculazione femminile. Dedichiamo a questi eroi un minuto di silenzio.

Fatto. Come? Un minuto non è ancora passato? Senti, io c’ho da fare, non so tu. Passiamo ad elencarne i nomi:

  • Alessandro Magno, l’unica e ultima volta che andò con una donna.
  • Edipo, mentre faceva petting alla madre, dando origine al famoso Complesso dello squirting di Edipo.
  • Søren Kierkegaard, mentre leccando la vagina della sua ragazza elaborava la sua teoria dell’esistenzialismo da contrapporre alle teorie di quell’idealista sfrenato di Hegel.

 

Curiosità.

  • Esattamente come lo sperma, anche il liquido dello squirt è commestibile e ricco di nutrienti, solo che nessuno ha ancora inventato un contenitore sufficientemente resistente per raccoglierlo mentre viene schizzato via a velocità mach 3.
  • Se riesci a farle avere un’eiaculazione sei il mio eroe.
  • I pennarelli indelebili contengono percentuali piccole ma rilevanti di squirt. Pare che l’idea sia stata brevettata da un tale stufo di farsi fare macchie indelebili sulla tapezzeria della sua Fiat Panda 750 full optional dalla sua fidanzata che squirtava come una vongola ogni volta che i due fornicavano in quel bidone di autovettura.

18 pensieri su “Eiaculazione femminile.”

Rispondi a Camelia Nina Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.